P.A. e whistleblowing. Obiettivo del Garante è quello di tutelare con ulteriori misure l’identità di chi segnala riservatamente le condotte illecite, delineare i fatti che possono essere segnalati con il whistleblowing nella P.A. e definire meglio il ruolo dei soggetti coinvolti. Ciò si evince nel parere del Garante sulla bozza delle “Linee guida in materia di tutela degli autori di segnalazioni di reati o irregolarità di cui siano venuti a conoscenza in ragione di un rapporto di lavoro, ai sensi dell’art. 54-bis del d.lgs. 165/2001, (c.d. whistleblowing)”, predisposta dall’ANAC. Parere favorevole, dunque, del Garante Privacy alle suddette linee guida, ma con tali condizioni, al fine di incrementare la fiducia in questo strumento, il whistleblowing.

La società che mantiene attivo l’account di posta elettronica aziendale di un dipendente dopo l’interruzione del rapporto di lavoro e accede alle mail contenute nella casella postale commette un illecito, poiché la protezione della vita privata si estende anche all’ambito lavorativo, secondo l’Autorità.
Nello specifico, l’ex dipendente era venuto a conoscenza di tale comportamento per caso. Dagli accertamenti svolti dall’Autorità era emerso che l’account di posta elettronica era ancora attivo per oltre un anno e mezzo dopo la conclusione del rapporto lavorativo. Il Garante «ha ritenuto illecite le modalità adottate dalla società perché non conformi ai principi sulla protezione dei dati, che impongono al datore di lavoro la tutela della riservatezza anche dell’ex lavoratore». Dichiarato quindi l’illecito trattamento, l’Autorità ha ammonito la società a conformare i trattamenti effettuati sugli account di posta elettronica aziendale dopo la cessazione del rapporto di lavoro ai principi sulla protezione dei dati personali e ha disposto l’iscrizione del provvedimento nel registro interno delle violazioni istituito presso l’Autorità stessa

Il Garante per la protezione dei dati personali continua a tornare ad occuparsi di controllo a distanza e tutela del dipendente. Ancora un volta, tra le righe del provvedimento emerge la ncessità per le aziende di predisporre le opportune policy necessarie a regolare tutti gli aspetti della tutela della riservatezza dei dipendenti, da una parte, e l'efficienza del business, dall'altra.

Il provvedimento del Garante
Provvedimento Garante 17 luglio 2014.pdf
Documento Adobe Acrobat [65.3 KB]

Gli ultimi articoli dell'Avv. Emiliano Vitelli










Le slide del Convegno sul GDPR tenuto dall'Avv. Emiliano Vitelli il 28 iugno 2017, con focus sul data breach QUI

Pubblicato il libro sulla nuova legge sul Cyberbullismo con un contributo dell'avv. Emiliano Vitelli sugli aspetti inerenti il processo penale monirile.

Le slide del corso di formazione tenuto dall'Avv. Vitelli presso il Comune di Grottaferrata in materia di delitti contro la pubblica amministarzione e riforma sull'anticorruzione QUI

Le dispense sintetiche del corso sul Codice amministrativo digitale tenuto dall'Avv. Emiliano Vitelli persso l'ATER di Roma per conto di Manpower Formazione Srl QUI

L'11 ed il 12 dicembre 2014 l'Avv. Vitelli è stato docente per il corso di Analisi dei rischi ed Business Impact Analysis organizzato da Ithum S.r.l

8 aprile 2014 - Università di Roma "La Sapienza"

Furto di identità attuali strumenti di tutela e le principali criticità.

ISACA

Stampa Stampa | Mappa del sito
© 2016 - 2019 Studio Legale Vitelli - Via Satrico n. 14, 04100 Latina